Consigli Utili
 Home    Consigli Utili

Consigli Utili per chi cerca casa

Cos’è la cedolare secca?

La cedolare secca 2012 è un imposta unica sugli affitti che il locatore può scegliere di applicare al posto dell’utilizzo del modello 730 o UNICO nel caso di locazione di immobili ad uso abitativo. L’aliquota della cedolare secca è al 21% per i contratti d’affitto a canone libero.

Che tasse devo pagare se compro casa?

Se si compra da un privato si avrà:

  • imposta di registro del 7% – o del 3% se per l’acquirente è “prima casa”;
  • imposta ipotecaria del 2% – o in misura fissa di euro 168,00 se per l’acquirente è “prima casa”;
  • imposta catastale dell’1%; – o in misura fissa di euro 168,00 se per l’acquirente è “prima casa”;

Se invece si compra da un’impresa costruttrice, si avrà:imposte

  • I.V.A. del 10% – o del 4% se per l’acquirente è “prima casa”;
  • Imposta di registro in misura fissa di euro 168,00;
  • imposta ipotecaria in misura fissa di euro 168,00;
  • imposta catastale in misura fissa di euro 168,00;

Cosa è l’IMU e come si calcola?

imuTra le novità più importanti della manovra Monti, spicca la nuova Ici che si chiamerà Imu. L’articolo 13 del decreto legge 201/2011, come modificato in sede di conversione, anticipa dal 1° gennaio 2012 l’applicazione dell’imposta municipale propria (cosiddetto Imu), introdotta dal decreto sul federalismo municipale (articoli 8 e 9 del decreto legislativo 23/2011).

Infatti, tale imposta nella versione prevista dal decreto legge in discussione, si applicherà dal 2012 al 2014 in via sperimentale per poi entrare a regime nel 2015. Il calcolo dell’IMU si esegue determinando dapprima la base imponibile, applicando a questa l’aliquota base o ridotta, e rapportando il prodotto alla quota e ai mesi di possesso. Il calcolo della base imponibile dipende dalla destinazione d’uso dell’immobile e dalle caratteristiche del possessore.

Per i fabbricati iscritti in catasto il calcolo prevede che il valore sia pari alla rendita catastale rivalutata del 5%, moltiplicata per uno dei seguenti coefficienti in dipendenza della categoria catastale. L’imposta viene calcolata a partire dalla base imponibile determinata come detto in precedenza, applicando l’aliquota ordinaria o ridotta, eventualmente modificata in aumento o diminuzione da delibera comunale. L’imposta così determinata dovrà poi essere rapportata alla quota di possesso e ai mesi di possesso. Il mese durante il quale il possesso si è protratto per almeno 15 giorni viene computato per intero.